La turistica Siem Reap

Siem Reap è una città della Cambogia, capoluogo dell’omonima provincia. La città è ubicata tra le rovine di Angkor Wat e il grande Lago di Tonle Sap, nel nord-ovest del Paese.

Il centro storico è attraversato dal fiume Siem Reap, lungo 83 km, che nasce dall’altopiano collinare di Phnom Kulen posto a 487 m s.l.m. e incluso nell’omonimo Parco Nazionale.

Questo parco nazionale è un’importante meta turistica in quanto si trovano cascate immerse nella foresta, antichi templi, bassorilievi scolpiti nel fiume e un Buddha coricato sulla cima della collina più elevata.

Al giorno d’oggi è una popolare destinazione turistica, la più popolare della Cambogia e vanta, oltre a un attrezzato e moderno aeroporto internazionale, raggiungibile con voli diretti dalla maggior parte delle città più importanti del sud-est asiatico, un ottimo livello ricettivo, sia per i suoi hotel sia per i numerosi ristoranti.

Basa la sua economia essenzialmente sul turismo archeologico, sulla coltivazione del riso e sulla pesca lacustre praticata sul Tonle Sap. Conta 171.000 abitanti (2009). Nonostante questo mantiene tutte le caratteristiche popolari che possono contraddistinguere la nazione.

Tra le sue vie si vedono camion ricolmi di persone così come banchetti che vendono benzina di contrabbando mantenuta in bottiglie. Una miscela strana più carburante vero e proprio, spiegano i locali. Allo stesso modo per strada c’è chi vende prodotti del proprio pezzo di terra o si improvvisa rivenditori di piatti tipici.

Nonostante tutto, ciò che più colpisce è la quantità di bambini. Il fatto che sappiano praticamente tutti l’inglese non è cosa strana considerando le dominazioni subite dalla Cambogia.

Circa l’istruzione rimane un mistero la facilità con cui ci si può avvicinare alle scuole, entrare e bazzicare per aule e cortili senza che nessuno intervenga.

Circa i mezzi di trasporto sono una delle attrattive del luogo, tanto da aver richiamato l’attenzione di diversi fotografi che su questi hanno svolto numerosi reportage e redatto diversi libri.

Indubbiamente la città a più rapida espansione di tutto il paese, Siem Reap si è trasformata, nell’ultimo decennio, in uno dei maggiori centri turistici perché è il punto ideale per visitare i famosissimi templi di Angkor, capolavori dell’architettura della Cambogia e più precisamente dell’architettura Khmer, dichiarati, nel 1992, patrimonio dell’umanità protetto dall’UNESCO.

Angkor Wat, il tempio principale, è simbolo della Cambogia, raffigurato sulla bandiera nazionale. Secondo il Guinness dei primati, è il più vasto sito religioso al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *