Clark Tadheus Travel, CiTy per gli amici, detective

Mi presento, mi chiamo Travel, Clark Tadheus Travel, detective, CiTy per gli amici. Sono un investigatore privato specializzato in furti, omicidi eaffini, alcolici compresi.

In queste pagine si scopre, si investiga, si vivono i viaggi con uno spirito poliziesco. Che nelle città e nellestrutture descritte ci siate già stati o meno poco conta. Se nonconoscete i luoghi coinvolti, li scoprirete. Se li conoscete già eci siete già passati, li rivivrete con uno spirito diverso. Comunquela giriate qualcosa di nuovo riuscirete a trovarla.

Con me, di caso in caso, di investigazione in investigazione verrete trasportati nei meandri dicittà e paesi, borghi e castelli, sarete coinvolti in omicidi osemplici furti, in rapine e sparizioni. Il tutto in giro per ilmondo.

Stavo dimenticando una cosa importante, il ritmo. Questo diario virtuale ha il ritmo di un disco jazz di Rosario Bonaccorso. Ergo, non può essere letto in fretta. Dettoquesto, andiamo avanti.

Come tutti i detective che sirispettino ho anche io un team, due giovani di talento come si suol dire. Lei, bella, mora, giovane e intraprendente neolaureata in antropologia risponde al nome di Marie “Wikipedia” Anderson. Il soprannome giàdice tutto. Lui invece, tecnicamente un nerd, poco più grande specializzato nel campo delle comunicazioni, è Jimmy “Whattsapp” Fish.

Sempre come tutti i detective che si rispettino, ho anche la mia nemesi, il mio nemico mortale, l’inafferrabile, quello che non sono mai riuscito ad acciuffare pur essendoci andato vicino mille volte, il soggetto che si frappone agli altri casi che mi vengono assegnati. L’eterno fuggitivo, Lupen Blog. Già le immagino le battute e i commenti: ‘ahahhaha Lupen, come quello dei cartoni, o quasi”, “e tu chi saresti, Zenigata?”e via dicendo. Be, potete risparmiarvele. Le affinità sono sotto gliocchi di tutti e non è colpa mia se si fa chiamare così. Già si fachiamare o, meglio, firma così i suoi colpi. Dopo anni ancora non socome si chiama davvero, ma lo scoprirò presto.

Se siete arrivati qui non è certo un caso. O la pubblicità su internet funziona o stavate cercando altro. Una cosa è certa, una volta che ci siete la curiosità vi frega e non smetterete di seguirmi.

Che altro dire? Che senza conoscervi vi ringrazio tutti fin da ora. Ringrazio chi si fermerà e chi deciderà di sorvolare sulle mie storie. Ringrazio chi mi correggerà bonariamente e chi invece farà il maestro. Soprattutto ringrazio chi riuscirà a darmi notizie di Lupen, maledetto fuggiasco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *